21 Maggio 2024
Home > Prevenzione e Formazione > Istituto Superiore di Scienze dell’Educazione e della Formazione “Giuseppe Toniolo”
-
Come sottolinea nel video il prof Carlo Vellani, docente al Toniolo fin dalla nascita dell’Istituto, per CEIS ha sempre avuto grande importanza l’aspetto della formazione degli operatori: per consentire migliori possibilità lavorative, per sviluppare competenze sempre più qualificate nei confronti dell’utenza.

L’approccio con una particolare tipologia di insegnamento ha sempre consentito una riflessione non solo teorica, ma anche legata alla prassi; un aspetto positivo e qualificante dell’Istituto, fino a portare alla nascita di un vero e proprio spazio di riflessione, una rivista denominata ‘Teoria e Prassi’, in cui si ragiona su quella che è la concreta applicazione delle moderne evoluzioni delle Scienze dell’educazione.

Storia, aneddoti, traguardi e scenari futuri dell’Istituto vengono tratteggiati dal prof. Luca Balugani, docente e già direttore dal 2013 al 2018. Insegnare al Toniolo oggi significa avere di fronte studenti che hanno un’esperienza sul campo. Molti di loro sono educatori. Per me che insegno Psicologia dell’Educazione, è straordinario vedere come questi studenti sappiano già come funziona la scuola e abbiano contatti ed esperienze con i bambini. Io posso solo aiutarli a vedere come sono i fenomeni, a inquadrarli all’interno della teoria, e a sognare cosa potrebbe essere un educatore”.

La voce degli studenti è quella di Francesco Neri, al terzo anno di corso. “L’aspetto che più ho apprezzato dell’Istituto Toniolo, a differenza di altre mie esperienze universitarie, è il fatto che la relazione sia al centro di tutto: tra colleghi, con i docenti, con le persone verso le quali è rivolto l’interesse della nostra Università”.

Suor Piera Silvia Ruffinatto è la Preside della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium”: ”Il Toniolo di Modena è affiliato all’ Auxilium dal 2013. L’offerta formativa dell’Istituto si fonda su una visione di sapere posta al servizio della persona umana e della sua crescita e punta a realizzare una formazione integrale nell’ambito delle Scienze dell’Educazione. Particolarmente attenta alla dimensione preventiva oltre che a quella terapeutica, la formazione si dà non solo mediante l’impegno personale nello studio, ma anche attraverso una didattica attiva che mette al centro lo studente e la sua partecipazione, incoraggiando anche la rilettura critica della propria esperienza, e questo non è di poco conto se si considera che molti iscritti al Toniolo, essendo studenti lavoratori, hanno al loro attivo una pratica educativa consolidata”.