15 Giugno 2024
-
Grazia Nocetti, responsabile del servizio, e la signora Adriana Paganelli (detta Elvina) ci accompagnano a scoprire il Centro diurno di socializzazione per anziani Madonna Pellegrina che, insieme al Centro di socializzazione Pergolesi, rappresenta l’impegno della Fondazione CEIS nei confronti della Terza Età.

Madonna Pellegrina

Grazia Nocetti:“L’obiettivo è che la persona anziana viva ancora all’interno delle dinamiche sociali. La società tende a escludere chi non ‘è più capace di fare’. Le persone anziane modenesi hanno un modo davvero efficace per dirlo: ‘veniamo messi via’. In realtà, come in tutto il CEIS, a Madonna Pellegrina le persone valgono ‘per quello che sono’, non per ciò che producono o per i problemi che hanno”.

“Frequento lo Spazio Anziani Madonna Pellegrina tre volte la settimana da un paio d’anni. Mi hanno iscritto i miei figli. Qui ho conosciuto tante amiche e amici. È un centro di ‘vecchietti’, dove si sta bene. È un ambiente sano, di persone che non spettegolano, non si parla male di nessuno. Ci sono pulizia, ordine e si mangia bene. Sono cose a cui guardo molto”, racconta Adriana Paganelli.

Affianca il Centro diurno Madonna Pellegrina il servizio di portierato sociale svolto a favore di 15 alloggi protetti, affidati dal Comune di Modena ad anziani singoli o famiglie, che si trovano nello stesso complesso.

Gli spazi anziani si sono rivelati nel tempo due luoghi fondamentali non solo per gli ospiti che vi trovano un clima familiare e tante attività di socializzazione, ma anche per i tanti giovani che le varie Comunità del Gruppo CEIS inviano per fare esperienza di volontariato. Qui i ragazzi riscoprono due valori fondamentali: il “valore del presente”, del sapersi concentrare sul qui e ora nella relazione con le persone e il “valore della gratitudine”.