strut19 FARETRA
padre Giovanni Mengoli*
Come Consorzio Gruppo CEIS assieme alla FICT (Federazione Italiana Comunità terapeutiche) esprimiamo preoccupazione in merito alla vicenda sui presunti abusi e affidi irregolari di bambini in Emilia e siamo contrariati dalla strumentalizzazione dei media e del mondo politico su un argomento così delicato. Ad essere sotto inchiesta sono singole persone e determinati enti, ma non può essere tutto il sistema di tutela dei minori che vivono situazioni di disagio.
Riteniamo l’affido uno strumento ancora molto prezioso e da salvaguardare perché garantisce ai minori che vivono in contesti difficili, di poter ritrovare ambienti di vita più favorevoli, continuando a mantenere i rapporti con la propria famiglia di origine, condizione che resta molto importante per lo sviluppo psicofisico dei bambini.
Chiediamo alle istituzioni di “non fare di tutta un’erba un fascio”: rigore nel punire singoli illeciti ed abusi, ma salvaguardia verso un sistema di welfare che è a favore del bene dei minori e che resta un modello per tanti Stati del mondo. Non “gettiamo fango” verso coloro che, sia nel pubblico che nel privato sociale, esercitano con serietà la loro professionalità!

Nel mese di Luglio gli uffici amministrativi del CEIS hanno lasciato gli storici locali di Via Toniolo all'interno del Parco XXII Aprile per spostarsi a qualche centinaio di metri in Viale Gramsci 10. I lavori ancora fervono, ma gli uffici sono già operativi. Tutti i contatti telefonici dei vari uffici e gli indirizzi e-mail sono restati identici. Nel mese di luglio e agosto gli uffici osserveranno il seguente orario: dal lunedì al giovedì 8/16 e il Venerdì 8/14 salvo diverso appuntamento.

Nella nuova sede di Viale Gramsci trovano posto la Direzione Generale e Amministrativa, gli uffici amministrativi e del personale, tutta l'area tecnica, la qualità, l'ufficio coordinatori, i tirocini , la segreteria e la presidenza. Nella storica sede di Via Toniolo restano invece l'ambulatorio, l'accoglienza, i servizi di prevenzione e consulenza, la progettazione, la formazione, larea lavoro, l'Istituto Toniolo, l'Associazione Alchemia e CESAV e da settembre il servizio REMIDA per bambini con disturbo specifico dell'apprendimento che si trasferiscono dalla precedente sede presso la Parrocchia di san Pio X in via Bellini.

I nuovi uffici consentiranno di meglio organizzare l'attività e migliorare la collaborazione garantendo anche i giusti spazi di lavoro. Questo nuovo investimento della Fondazione CEIS consentirà anche di realizzare nella sede di Via Toniolo oltre agli ambienti destinati a Remida anche una ulteriore aula didattica che potrà accogliere il nuovo corso dell' Istituto Toniolo  per Educatori dell'Infanzia che si aggiunge a quello per Educatori Sociali.