Il Gruppo CEIS è tra gli organizzatori della conferenza Ambiente, clima e migrazioni: capire ed agire sulla base di fatti che si terrà a Modena il 30 marzo 2019.

La conferenza vuole favorire la diffusione di un approccio scientifico in problematiche di elevato impatto sociale come quello delle migrazioni, creando un contesto razionale ed inclusivo per avviare collaborazioni tra Istituzioni, mondi del terzo settore e del volontariato, centri di ricerca per affrontare le molteplici questioni connesse alle “migrazioni”.

Promuovere una strategia rispettosa delle esigenze di accoglienza e inclusione sociale che nel contempo rassicuri la cittadinanza sul proprio diritto alla sicurezza e all’accesso pieno al welfare pubblico e privato.

Quali relazioni tra condizioni ambientali e conflitti economici, politici, sociali e militari?

Quali motivazioni ambientali, sanitarie ed economiche che inducono alla scelta migratoria?

 

Per saperne di più ceisformazione.eu/ambienteclimamigrazioni

Segui la pagina facebook ambiente.clima.migrazioni

E se vuoi rimanere aggiornato metti "parteciperò" ell'evento su facebook

 

La notte dell’indifferenza, dell’arroganza, della superficialità che si esprime in un linguaggio aggressivo, a volte perfino volgare, si infittisce sempre più. Diventa ogni giorno più pervasiva, guadagna sempre più consenso.
Si persegue il sogno illusorio di un mondo perfetto, si promette, mentendo, una sicurezza impossibile da raggiungere. Si stabiliscono sanzioni severe per chi la minaccerebbe, per lo più persone disperate e inermi, devastate nell’intimo da storie atroci.
Se qualcuno esprime pietà, viene bollato come “buonista”, un neologismo che dà piena cittadinanza solo al tornaconto personale e dei gruppi di interesse. Altri valori diventano clandestini.

Banner lungo

 

Il 20 e 27 ottobre prossimi il Consorzio Gruppo CEIS con le organizzazioni che aderiscono al Tavolo Ecclesiale Dipendenze - Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Casa dei Giovani, Compagnia delle Opere-Opere Sociali, Comunità Emmanuel, Comunità di Sant'Egidio, Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA), Federazione Italiana Comunità Terapeutiche (FICT), Salesiani per il sociale-Federazione Scs/Cnos, in collaborazione con la Caritas Italiana - apriranno le porte di diverse loro strutture attive in tante parti d'Italia per raccontare se stesse, il lavoro che fanno, le storie di chi anima i propri progetti. Per il CEIS la data scelta il 27 ottobre coincide con l'iniziativa Pedalèr da Màt che puoi trovare sul sito www.matmodena.it.

Il Consorzio Gruppo CEIS partecipa alle attività di Màt Settimana della Salute Mentale, che si terrà nel terrà nel territorio modenese dal 20 al 27 ottobre 2018.

Per vedere gli appuntamenti clicca su "leggi tutto".

Sabato 29 Settembre 2018

Bar Arcobaleno

(via Toniolo 124, Modena)

ore 09.45 | saluti Istituzionali:

Direttore dell'Istituto p. Giuliano Stenico e Preside PFSE Auxilium Pina Del Core

ore 10.00 | lectio magistralis del professor Romano Prodi: "Crisi della politica..." 

ore 11.15 | inaugurazione del Bar Arcobaleno analcolico da parte della Cooperativa Il Megafano e saluti dell' amministrazione Comunale

ore 12.00 | intervento del professor Andrea Canevaro: "L'educatore acrobata"

ore 13.00 | rinfresco

Per disseminazione: evento facebook

ISTITUTO SUPERIORE DI SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE «G. TONIOLO»
www.ceisformazione.eu/IGToniolo

--

 

Sarà festeggiato Sabato 15 settembre il 21° anniversario di attività della Comunità "La Barca".

Un ricco appuntamento di iniziative che dalle ore 16 terrà impegnati tutti coloro che vorranno partecipare presso la sede della struttura in Via Borelle 176 a Cognento (MO).

Si inizierà con la mostra fotografica "Una finestra sulla nostra quotidianità" e la proiezione di slide dal titolo "21 anni in Barca", alle 17 grande caccia al tesoro con ricchi premi per tutti. Alle 18,30 Aperi-Cena con accompagnamento musicale dal vivo e Yoga Body Performance in tema con il titolo della festa "BUDDAH BARCA".

Un momento di condivisione, di festa, di riflessione guardando al futuro di questa importante struttura del CEIS e ai suoi 4 lustri di attività. Un occasione anche per ricordare chi ci ha accompagnato in questa ricca avventura umana.

Amici, simpatizzanti, familiari e tutti coloro che vorranno partecipare saranno i benvenuti. 

E' gradita prenotazione entro il 10 settembre telefonando al: 059.848773

 


 

Pubblichiamo di seguito l’intervento di Luciano Squillaci, presidente della FICT (Federazione Italiana Comunitá Terapeutiche) apparso sul quotidiano L’Avvenire di Domenica 24 giugno. 

 

26 Giugno 2018, Giornata mondiale contro la droga

 

Ci troviamo di fronte ad uno Stato colpevolmente ignavo, in vergognoso silenzio, ormai assuefatto al grido di dolore di migliaia di persone e delle loro famiglie.

Il 26 giugno, giornata mondiale di lotta alla droga, dovrebbe essere un’utile occasione per fare il punto sul lavoro fatto e per programmare gli obiettivi futuri.

Ed invece, anche quest’anno, possiamo solo testimoniare il fallimento di un sistema di cura e di contrasto, che un tempo rappresentava un modello per l’intera Europa, e che oggi si manifesta in tutta la sua inadeguatezza, arretrato, ingessato, disegnato da una normativa di quasi 30 anni fa, incapace di rispondere alle necessità di un fenomeno in rapida e costante evoluzione.

pasqua del migranteSegen, ragazzo eritreo di 22 anni muore per denutrizione, appena sbarcato, sotto gli occhi sconvolti dei soccorritori, impossibilitati a salvare un giovane, reo di aver perseguito il sogno di una vita migliore.

Trentacinque chili di peso, un metro e settanta di altezza, completamente debilitato, il migrante economico muore di fame appena giunto nella terra promessa. È uno dei tanti disperati transitati nei campi di detenzione libica, finanziati da noi. Un pasto di riso al giorno, stipati in stanzoni talmente affollati da calpestarsi per arrivare a prenderne un pugno di cibo, spesso avariato. E se non c’è acqua si beve l’urina.

Siamo contemporanei di Auschwitz, consapevoli e consenzienti. Non vi è presa di posizione da parte di nessuno. Dopo aver disastrato la loro casa, continuiamo a farlo per miopi interessi. Ma non basta, la richiesta dei cittadini europei e della maggior parte degli italiani è di agire senza pietà, ricacciando indietro tutti.

Ciò che importa è una illusoria sicurezza costruita sull’indifferenza e la menzogna, aggrappati ad un benessere che da solo non può dare significato ad esistenze frustrate che misurano il proprio valore dall’abbondanza e consistenza dei beni a loro disposizione.

È urgente aprire il cuore alla compassione per non perdere l’anima. Occorre alzare gli occhi al crocifisso che ha scelto di morire respinto, condannato e maledetto, solidale con i crocifissi di tutti tempi. Ci salva lasciarci colpire e inquietare dal suo sguardo, interrogare dal suo volto sfigurato per riacquistare fiducia, coraggio e creatività sempre, soprattutto nelle situazioni personali difficili e in quelle sociali complesse.

Solo la compassione può liberarci dalla paura, dalla grettezza, dall’insensibilità e rendere le nostre relazioni più vere e affidabili e il nostro vivere sociale più solidale. Il resto è solo illusione.

È questo il tempo della testimonianza personale, condivisa da pochi, resa in comunione con il crocifisso che ora come allora muore solo, certi però che con Lui la risurrezione verrà.

Buona Pasqua

p. Giuliano Stenico

Le ragazze di "In Volo" (la nostra comunità per i disturbi alimentari con sede a Parma) hanno ricordato oggi, 15 marzo, la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla. (i loro pensieri sul sito www.involodca.it)

Seppure il parlamento non abbia ancora ufficialmente legiferato in materia ormai da molti anni le associazioni italiane di familiari  ed ex utenti hanno individuato in questa data l'occasione per informare e sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema. Un compito non facile visto lo scarsissimo interesse dei mezzi d'informazione a trattare di argomenti difficili e per alcuni versi scomodi come quello dell' anoressia o della bulimia. La Fondazione CEIS, aderendo al Coordinamento Nazionale Disturbi Alimentari, sostiene con convinzione la campagna "Coloriamoci di Lilla" per una corretta informazione su anoressia, bulimia e alimentazione incontrollata. 

Presentato a Modena il Bilancio di mandato 2014/2016 della Fondazione CEIS onlus

E' stato presentato nel mese di dicembre u.s. il Bilancio di Mandato della Fondazione CEIS onlus per gli anni 2014/2016. Questo nuovo strumento di rendicontazione e comunicazione che in parte sostituisce il precedente Bilancio di Sostenibilità del Consorzio Gruppo CEIS è stato realizzato dall'ufficio comunicazione grazie alla collaborazione dei Coordinatori di Area con la consulenza di Paola Ducci e l'impostazione grafica di MRDIAMO. Alla Presenza dei presidenti Giuliano Stenico, Giovanni Mengoli e Isauro Galavotti sono stati illustrati gli obiettivi raggiunti nel triennio e in particolare nell'anno 2016 dalle varie realtà che operano in stretta sinergia con la Fondazione CEIS. Il documento fotografa un risultato lusinghiero che - come sostenuto da tutti i presidenti - va ascritto coralmente a tutta la dirigenza e gli operatori .

PER VISIONARE IL TESTO CLICCA QUI 

Re Magi“Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama” è il canto che i pastori, commossi e stupiti, odono dopo aver ascoltato dagli angeli l’annuncio che Gesù è nato e l’invito ad andare a visitarlo.
Lo troveranno avvolto in fasce in una mangiatoia, non in una culla; in un alloggio di fortuna, non in una casa. La gloria splendente di Dio si manifesta nella povertà e nella precarietà, durante un viaggio disagevole, imposto da altri, voluto dai prepotenti di turno.
In Gesù bambino, Dio e l’uomo diventano pellegrini, compagni di strada. Percorrono lo stesso cammino per la piena e integrale realizzazione di ognuno di noi.
Così, la gloria di Dio, la sua potenza benefica, parla il linguaggio della fragilità per predisporre il cuore di ogni uomo che egli ama al dono di sé, alla ricerca della giustizia e della pace. Così il cielo fa germogliare la terra, e la terra ha le sue radici in cielo, per sempre.
Gesù viaggia nel grembo di Maria incinta con tutte le donne incinte, costrette ad attraversare i mari per disperazione. Migrante da Nazareth verso Betlemme, si accompagna con tutti i migranti di oggi. Egli, senza tetto, abita con tutti i senza tetto che affollano le periferie del mondo. Minacciato di morte da Erode è con i tanti che, oggi, vengono uccisi per odio etnico o religioso. Accoglie per primi i pastori, classe sociale esclusa e disprezzata. E tu con chi stai?
Ecco la magia del Natale: un amore senza confini, un cuore che sa commuoversi per la condizione di ogni fratello, una speranza che non desiste mai, un coraggio che non perde energia e continua a lottare per il bene.

Auguri di Buon Natale

Fondazione CEIS, su mandato del DAI-SMDP dell’Ausl di Parma, con fondi del Servizio Sanitario Regionale e in collaborazione con i  SerDP dell'area AVEN, ha organizzato per il mese di dicembre 2017 una formazione congiunta degli operatori delle AUSL e degli enti accreditati sulle dipendenze patologiche, con l'obiettivo di supportare le innovazioni avviate negli anni precedenti nei percorsi residenziali, attraverso progetti formativi da realizzare con il coinvolgimento dei soggetti gestori delle strutture stesse, su base di area vasta.

I tre incontri saranno:

- QUALI APPROCCI E QUALI TRATTAMENTI PER GIOVANI CONSUMATORI
- QUALI APPROCCI POSSIBILI NEI CASI COMPLESSI
- QUALI PROSPETTIVE DI TRATTAMENTO PER GLI "OLD USERS"

Per accedere è necessario iscriversi entro la fine del mese di novembre.

I convegni rilasciano ECM. Tutte le informazioni (e le iscrizioni) su www.ceisformazione.eu/aven

Realtà, sfide e risposte per una presa in carico competente.


 convegno mestre

Si è tenuto a Mestre un importante convegno sui minori stranieri non accompagnati, è stata l’occasione per il presidente del Consorzio Gruppo CEIS Giovanni Mengoli, nella sua veste di nuovo coordinatore della Rete Minori della FICT ( federazione italiana comunità terapeutiche), di presentare ufficialmente la posizione della federazione su questo delicato tema. Riportiamo di seguito un sunto del suo intervento.

“L'orientamento deciso verso la creazione di un sistema di accoglienza nazionale (si veda in proposito la legge Zampa) che giudichiamo positivamente (la spesa infatti non può essere addossata solo sui comuni più grossi o dove avvengono gli sbarchi e si concentra il numero maggiore di msna), combinato con il forte aumento nel flusso in ingresso e le limitate risorse che il Governo può stanziare, sta portando verso la creazione di un sistema di accoglienza per minori stranieri non accompagnati (msna) che per reggersi tende ad equiparare i minori stranieri ai migranti adulti.

Il Consorzio Gruppo CEIS partecipa alle attività di Màt Settimana della Salute Mentale, che si terrà nel terrà nel territorio modenese dal 21 al 28 ottobre 2017.

Per vedere gli appuntamento clicca qu "leggi tutto".

 

 

La Fondazione CEIS ONLUS con l'AUSL e l'Azienda Ospedaliera di Parma presentano il
3° Convegno "In Volo"

(www.involodca.it)

Curare e Prendersi Cura tra livelli di assistenza e partecipazione: nuovi scenari d'intervento nei DCA.

 

Il convegno si terrà a Parma il 19 ottobre, presso l’auditorium Colser-Auroradomus in via Giorgio Sonnino Sidney 33/a, in collaborazione con il Coordinamento Nazionale Disturbi Alimentari e l'associazione di volontariato ed ex utenti sulleALIdelleMENTI. Il convegno è inserito nella rassegna “La salute della salute mentale” 2017 dell’AUSL di Parma.

Di Padre Giovanni Mengoli S.C.J.
Presidente Consorzio Gruppo CEIS

migranti

In occasione della Giornata internazionale dei rifugiati indetta dalle Nazioni Unite per il 20 GIUGNO vogliamo fare un attimo il punto sul progetto che il CEIS ha deciso di avviare da Aprile di quest’anno, allargando anche agli adulti l’accoglienza che fino ad oggi riservava solo ai minori stranieri non accompagnati. Abbiamo chiesto a padre Giovanni Mengoli presidente del Consorzio Gruppo CEIS di raccontarci quale è la Vision del nostro lavoro coi richiedenti asilo.

“L'impegno del CEIS nell'accoglienza dei migranti adulti si accompagna anche all'ambizione di poter offrire un modello di accoglienza che aiuti ad uscire dall'emergenza che il nostro paese sta vivendo. Sappiamo che non sarà facile dato che la pressione quotidiana degli sbarchi impone ai gestori, e quindi anche al CEIS, di individuare sempre nuovi posti e non lascia tanto spazio per progettare qualcosa di differente, ma vogliamo ugualmente provarci!

I disturbi dell’alimentazione – anoressia nervosa, bulimia nervosa, alimentazione incontrollata (binge-eating disorder BED) e i disturbi dell’alimentazione non altrimenti specificati – sono uno dei problemi di salute più comuni nei giovani, soprattutto nelle ragazze, anche nel nostro Paese come in tutti i Paesi occidentali. Nella popolazione femminile con età maggiore di 18 anni sono stimati tassi di prevalenza dello 0,9% per l’anoressia nervosa, dell’1,5% per la bulimia nervosa e del 3,5% per il BED. L’incidenza dell’anoressia nervosa è stimata essere di almeno 8 nuovi casi per 100.000 donne in un anno, mentre quella della bulimia nervosa è di almeno 12 nuovi casi per 100.000 donne in un anno. Negli studi condotti su popolazioni cliniche, i maschi rappresentano tra il 5% e il 10% dei casi di anoressia nervosa, tra il 10% e il 15% dei casi di bulimia nervosa e tra il 30% e il 40% dei casi di BED.

 

Anche quest'anno c'è la possibilità di partecipare al bando per il Servizio Civile Volontario e chiedere di svolgere servizio presso alcune realtà del Gruppo CEIS.

Il Gruppo CEIS, da anni, è inserito negli elenchi dei progetti della Caritas diocesana modenese.

Tra le varie realtà: la comunità La Barca, Casa San Lazzaro, Spazio Anziani Madonna Pellegrina, Bar Arcobaleno (Centro di Aggregazione Giovanile e area prevenzione), Centro medie e Comunità per minori stranieri S. Pancrazio dell coop. Piccola Città...

Martedì 23 maggio 2017, presso le nostre strutture di Strada Borelle 176-190 a Cognento (MO), si terrà l'assemblea generale del Consorzio Gruppo CEIS (ore 17.00).

Quest'anno, oltre alla presentazione della relazione sulle attività 2016, da parte della Presidenza, ci sarà, verso le ore 19.00, la cerimonia di intitolazione del "Borgo di Cognento" a Roberto Ferrari, compianto volontario e Vice Presidente della Fondazione CEIS.

 

Per ragioni organizzative è richiesta la conferma della presenza in segreteria di Modena (riferimento Silvia Garagnani 059 45311).

Abbiamo chiesto all'operatrice Irene di di dirci cosa c'è alla base del progetto MOSAICO Rap.

Ci ha risposto con una parola: "Il cibo". Questo è il tema che abbiamo scelto, dice Irene, con i ragazzi della scuola Mosaico per presentarci al premio Bonacci Italians, concorso internazionale indirizzato agli studenti stranieri di italiano. Mosaico, per chi non lo sapesse, è il corso di alfabetizzazione L2 che CEIS svolge quotidianamente al Villaggio del Fanciullo per i ragazzi MSNA del progetto FAMI minori e SPRAR minori.

Ma come si è sviluppata questa idea le abbiamo chiesto: "In un primo momento i ragazzi hanno espresso liberamente i loro pensieri e le loro emozioni sul perché sono venuti in Italia, su cosa hanno lasciato nel loro paese e su cosa hanno trovato qui. Quindi c’è stato uno ”brainstorming” sul lessico del cibo conosciuto da loro, seguito da una raccolta di opinioni e gusti sulle abitudini alimentari italiane. Abbiamo poi scelto nomi di piatti e alimenti provenienti dai paesi di origine degli studenti e abbiamo cercato parole che facessero rima con quelle trovate in precedenza.

Destina il 5 x 1000 al Consorzio Gruppo CEIS

Nell'apposito spazio del modulo della dichiarazione dei redditi, compila il riquadro denominato "sostegno del volontariato" e inserisci il codice fiscale: 94004500362

E se non devi presentare la dichiarazione dei redditi puoi:

Compilare la scheda che trovi insieme al CUD firmando il riquadro "sostegno al volontariato" e indicando il codice fiscale: 94004500362 inserire la scheda in una busta chiusa scrivere sulla busta "DESTINAZIONE CINQUE PER MILLE IRPEF" e il tuo cognome, nome e codice fiscale; consegnarla a un ufficio postale, a uno sportello bancario, che le ricevono gratuitamente, o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti...).

Per ulteriori informazioni, scarica il volantino cliccando qui o consulta la pagina sostienici

L’Europa ha firmato un trattato per sostenere i libici nel contenere l’immigrazione dall’Africa sub sahariana. Senza chiedere sufficienti garanzie di controllo umanitario, ha stanziato ingenti risorse per finanziare i campi profughi dove di norma le persone accolte vengono umiliate, picchiate e torturate.
Siamo contemporanei dell’orrore, complici di disumanità, grazie anche al disimpegno compiacente degli organi di informazione. E’ l’inverno della mente e del cuore. E’ il trionfo dell’ipocrisia e della banalità del male, quello che nasce dalla nostra ordinaria indifferenza, dalle nostre stupide paure.
Eppure Gesù sta lì crocifisso, sempre più solo. Torturato tra i torturati, perseguitato politico tra i perseguitati politici, condannato a morte tra i condannati dall’ingiustizia della vita. Ci guarda e ci inquieta. Non permette alla nostra coscienza di accomodarsi dentro la precaria serenità della nostra grettezza.
Sta lì e ci guarda con il suo volto sfigurato, in una attesa accorata.
Nei suoi occhi non c’è traccia di disperazione. Prevale la fiducia nel Padre, nonostante l’apparente abbandono. Negli spasimi della morte, vince la disponibilità, l’accoglienza, la condivisione e il desiderio che ogni uomo ritrovi sé stesso. Il suo compagno di pena lo sente lo invoca, si rappacifica con sé e con la vita.

In occasione della Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla, voluta da tante associazioni in Italia che si battono per una maggiore sensibilità ai temi dei Disturbi del Comportamento Alimentare riportiamo le riflessioni di una nostra ospite accolta presso la residenza In Volo unendoci così alla campagna promossa dal Coordinamento Nazionale Disturbi Alimentari : "Coordiniamoci in Lilla, insieme oltre i DCA"

Quando mi hanno detto che ne soffrivo, non volevo crederci, forse non me ne rendo conto o non voglio neanche ora. Sì, perchè in fondo, rifiutare o liberarsi di qualcosa che pensiamo possa farci sentire sbagliate/i, ci fa sentire in qualche modo potenti. Il mio è un messaggio di sfida per me stessa e per chi, probabilmente, si riconosce in queste parole. L'unica cosa che posso affermare, è che il cibo è solo la conseguenza di vissuti difficili dettati da scelte, circostanze e/o persone che sarebbe stato meglio evitare. Quindi, non mollate, scavate in voi stesse/i, conoscetevi. Non sarà facile, ci vorranno tempo e forza di volontà. Io devo trovarla ma voglio ritornare a vivere. Non fate della vostra vita una condanna, vivete!

Di Padre Giovanni Mengoli S.C.J.
Presidente Consorzio Gruppo CEIS

migranti
 
Il fenomeno migratorio sempre più massiccio dall’Africa verso l’Europa a cui stiamo assistendo in questi anni, al centro dell’attenzione mediatica e delle scelte politiche, può essere letto anche attraverso un modello fluidodinamico. La fisica insegna che, quando si è in presenza di due soluzioni con percentuali di soluto molto diverse, separate da una membrana osmotica, avviene un riequilibrio della concentrazione in modo che le concentrazioni di soluto nelle due soluzioni vadano progressivamente ad uniformarsi.
 
 


 

Anche quest'anno il CSV di Modena organizza "Le officine della solidarietà", laboratorio curato dalle realtà territoriali per fare entrare i giovani in contatto con il volontariato e il terzo settore.
Dal 2 al 10 febbraio, il Foro Boario di Modena accoglierà quasi 50 classi delle scuole superiori e medie.

Ad incontrarli ci saremo anche noi del Gruppo CEIS.
Vogliamo collaborare con le altre associazioni del territorio e raccontare i valori e la passione che il nostro settore può attivare. Informare i giovani delle possibilità di collaborare e fare esperienza di cittadinanza attiva.

Ricorre quest'anno il trentesimo anniversario di fondazione del CEIS a Parma


L'8 novembre 1986 nei locali dei notai Borri a Parma si costituiva l'associazione Centro di Solidarietà L'Orizzonte . Sono passati 30 anni , tre decenni di impegni e di fatiche di gioie e di soddisfazioni. Oggi l'attività del Centro prosegue nella nuova compagine denominata Fondazione CEIS , ma lo spirito che ha animato i primi soci e i primi operatori resta intatto. Diverse sono invece le problematiche che il Centro oggi affronta. Accanto alla dipendenza da eroina si sono aggiunte le altre forme di dipendenza da sostanze e le dipendenze comportamentali, le problematiche legate ai minori affidati ai servizi sociali e da ultimo la grande sfida dei Disturbi del Comportamento Alimentare.

Una riflessione sul tragico episodio di una 13enne stuprata per due anni, di Luciano Squillaci - Pres. FICT

Io sono di Melito…
 
Non sono nato a Melito Porto Salvo, ci sono arrivato giovane obiettore di coscienza circa 20 anni fa ed ho scelto di rimanere. Fino a qualche giorno addietro a chi mi chiedeva se sono di Melito ho sempre risposto con una battuta: grazie a Dio no, sono stato “importato”. Oggi, non più. A chi me lo chiede rispondo senza tentennamenti, con feroce convinzione ed orgoglio: si, sono di Melito, senza se e senza ma, così come lo è mia moglie e lo sono i miei figli....
di Giovanni Mengoli presidente del Consorzio Gruppo CEIS

Sul dibattito legato alla proposta di legge in commissione al Parlamento in questi mesi, mi permetto di offrire una breve riflessione che prova ad analizzare la questione da un punto di vista che sento molto caro ed importante per il futuro del nostro paese.
Chi ha presentato la proposta di legge l’ha motivata insistendo principalmente sull’idea che legalizzando le droghe leggere verrebbe dato un duro colpo alla criminalità organizzata. Credo che sia difficile poter fare una valutazione anticipata in questo senso: conosciamo bene infatti il detto popolare: “Fatta la legge, trovato l’inganno”.

Anche quest'anno c'è la possibilità di partecipare al bando per il Servizio Civile Volontario e chiedere di svolgere servizio presso alcune realtà del Gruppo CEIS.

Il Gruppo CEIS, da anni, è inserito negli elenchi dei progetti della Caritas diocesana modenese.

 

Tra le varie realtà: la comunità La Barca, Casa San Lazzaro, Spazio Anziani Madonna Pellegrina, Torre Muza, Bar Arcobaleno (Centro di Aggregazione Giovanile e area prevenzione)...

 

Per vedere l'elenco completo scarica l'immagine a seguire, per partecipare al bando (scadenza 08/07/2016), saperne di più sul S.C. o richiedere informazioni per la candidatura www.copresc.mo.it, per conoscere meglio le realtà e parlare con un operatore CEIS: Daniela Fontanazzi o Gianna Codeluppi

 

Presentato a Modena durante l'assemblea generale del Consorzio Gruppo CEIS il Rendiconto Sociale 2016 esercizio economico 2015


Bilancio2016

Il 20 Maggio è stato presentato durante l'Assemblea Generale del Consorzio Gruppo CEIS il Bilancio Sociale 2016 esercizio economico 2015. Riportiamo di seguito le parole introduttive del rendiconto a firma di padre Giuliano e padre Giovanni presidenti rispettivamente della Fondazione CEIS e del Consorzio Gruppo CEIS.

Le Nazioni Unite terranno una sessione speciale dell’Assemblea Generale (UNGASS) sulle droghe il 19-21 aprile. Originariamente, l’Assemblea Generale Onu sulle droghe avrebbe dovuto riunirsi nel 2019, ma i presidenti della Colombia, del Guatemala e del Messico hanno richiesto un anticipo, data l’urgenza dei problemi sul piatto. La United Nation General Assembly Special Session (UNGASS) sulle droghe rappresenta il momento di più alto livello per valutare e discutere le politiche mondiali sulla droga, alla presenza dei capi di stato e di governo di tutti i paesi del mondo. Alla fine del meeting è approvata una Dichiarazione Politica e altri documenti più specifici. Della delegazione Italiana farà parte per la prima volta anche la FICT (federazione italiana comunità terapeutiche).

La struttura, operativa dal 23 Marzo 2015 nella città di Bologna, è un centro di avanguardia nell’accoglienza di minori stranieri non accompagnati, giunti sul territorio italiano senza le loro famiglie e senza altri punti di riferimento.
Casa Merlani si inserisce nel progetto “Hub Accoglienza Minori Emilia-Romagna” che il Comune di Bologna ha attivato, come capofila, con un finanziamento del Fondo Asilo Migrazione Integrazione (FAMI) della Commissione Europea.
Il progetto è gestito da soggetti del terzo settore, quali Consirzio Gruppo CEIS, Camelot, Csapsa 2, Dolce e Opengroup e vede la stretta collaborazione di ASP Città di Bologna.

La Parrocchia e il Quartiere Savena, hanno organizzato un incontro che si terrà nella

sala polivalente della Parrocchia di Monte Donato via di Monte Donato 3/2

Sabato 12 Marzo, alle 15,00 


 

Anche quest'anno il CSV di Modena organizza "Le officine della solidarietà", laboratorio curato dalle realtà territoriali per fare entrare i giovani in contatto con il volontariato e il terzo settore.
Dal 2 al 10 febbraio, il Foro Boario di Modena accoglierà quasi 50 classi delle scuole superiori e medie.

Ad incontrarli ci saremo anche noi del Gruppo CEIS.
Vogliamo collaborare con le altre associazioni del territorio e raccontare i valori e la passione che il nostro settore può attivare. Informare i giovani delle possibilità di collaborare e fare esperienza di cittadinanza attiva.

La paura è salutare quando ci fa presagire il pericolo per evitarlo o affrontarlo dopo averlo valutato, ma se diventa ansia o panico fa perdere lucidità, genera scelte convulse e avventate. Non è distruggendo chi ci fa paura che troveremo stabilità e sicurezza. La forza anche se usata per contenere violenza, può dare solo un sollievo passeggero, una sensazione di controllo degli eventi che si rivelerà ben presto illusoria. Nei tempi lunghi, la violenza genera inevitabilmente altra violenza. Ci si incaglierà ancora una volta, ci si perderà in un labirinto senza uscite, alimentando una "guerra a pezzi".

In occasione della Giornata Mondiale contro l'AIDS

Sogni e Suoni, è il momento di riflessione e spettacolo voluto e organizzato da ospiti e operatori di Casa San Lazzaro che si terrà Martedì 1 Dicembre alle ore 18,30 presso la sala grande della Nuova Chiesa di San Lazzaro in via Livio Borri 90 a Modena. La serata ha il patrocinio del Quartiere 2 (Crocetta, San Lazzaro, Modena est) . Tutti sono invitati.

Un importante occasione di riflessione sul mondo delle dipendenze, sulle sue trasformazioni che seguono e talvolta precedono i cambiamenti della società. Un incontro aperto a volontari, genitori, operatori, educatori, insegnanti. Se ne parla al CEIS in Via Toniolo 125 Modena, GIOVEDI' 26 Novembre 2015 dalle ore 17,00 con Marco Sirotti, psicologo e Coordinatore dell'Area Dipendenze Patologiche del Gruppo CEIS e Francesca Borghi, sociologa, Responsabile del Centro di Osservazione e Diagnosi di Modena. Coordina l'incontro Boze Klapez . A seguire rinfresco. 

 

Un nutrito gruppo di operatrici del nostro Consorzio ha partecipato al convegno promosso dal tavolo tecnico della FICT (federazione italiana comunità terapeutiche), alla quale apparteniamo, che si occupa degli "interventi educativi territoriali". "Pre-venire" richiede pre-vedere, pre-supporre, pre-sentire, in maniera strategica e promozionale le caratteristiche e le risorse dei contesti e dei destinatari, di volta in volta nuovi ed in evoluzione, per riconoscere ed affrontare i bisogni sociali complessi, tipici dell'epoca contemporanea e delle nuove generazioni in particolare, questo il tema del convegno.

Da più di 20 anni la FABI, sostiene l'Azione del CEIS a Parma, prima aiutando il Centro di Solidarietà L'Orizzonte onlus ed oggi la FONDAZIONE CEIS ONLUS. Un impegno costante iniziato grazie all'intermediazione di un volontario storico (Giuseppe Azzali) e consolidatasi nel tempo. Grazie quindi alla FABI ai suoi Dirigenti e ai suoi iscritti per il loro sostegno concreto e costante che ci accompagna da così tanti anni consentendoci di svolgere al meglio il nostro lavoro.

Ragazzi in contesti difficili, dentro e oltre il sistema di accoglienza

Si è tenuto il 17 settembre un importante convegno promosso dalla Regione Emilia Romagna Assessorato al Welfare e alle Politiche Abitative per riflettere sulla qualità del sistema di protezione e accoglienza di bambini e ragazzi a rischio di allontanamento o fuori dalla famiglia di origine. L'occasione la presentazione della ricerca effettuata dalla Fondazione Emanuela Zancan Onlus-Centro Studi e Ricerca Sociale in collaborazione con il Coordinamento Comunità Educative Emilia-Romagna e promosso dalla Regione.

I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) sono un problema che sta assumendo dimensioni sempre maggiori, soprattutto nella fascia adolescenziale e con esordi spesso nell’età pediatrica.
L’AUSL di Parma, in collaborazione con la Fondazione CEIS onlus e la sua residenza Socio Riabilitativa “In Volo” per DCA di Pellegrino P.se (PR), vuole con questo convegno  porre l’attenzione sulle specificità dei DCA nell’infanzia e nell’adolescenza,  con particolare attenzione all’importante ruolo che i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta possono svolgere con un precoce riconoscimento dei sintomi della malattia. Attività di diagnosi resa sempre più difficile in un contesto sociale che esalta la magrezza e  che talvolta distorce la realtà. l Convegno si terrà a Parma il 18 settembre 2015 dalle ore 8,30 alle ore 18 presso l'auditorium dell'Assistenza Pubblica in Via Gorizia 2/a sono stati confermati crediti ECM per le seguenti professioni sanitarie: medici, psicologi, infermieri, educatori, tecnici riabilitazione psichiatrica, MMG, PLS, biologi e dietisti.
L’approccio integrato e multi disciplinare ai DCA si rivela quindi fondamentale per evitare la cronicizzazione della malattia. Significativa in quest’ottica la realizzazione di sinergie ed integrazioni tra sistema pubblico e privato accreditato per lo scambio di competenze e la presa in carico degli  utenti.
L’approccio comunitario tipico dell’esperienza trentennale del CEIS unito alla RPP®,(Riabilitazione Psiconutrizionale Progressiva) rappresenta la specificità della residenza “In Volo” che la rende un unicum nel panorama nazionale

per iscrizioni: www.ceisformazione.eu

per informazioni: convegno.dca@ceisformazione.eu

E' stato presentato il 18 giugno 2015  il Report di Sostenibilità 2015 del Consorzio Gruppo CEIS. L'occasione della presentazione del report è stata l'annuale Assemblea Generale del Gruppo presso la sala riunioni Arcobaleno a Modena.

L'assemblea, presieduta da padre Giovanni Mengoli presidente del Consorzio Gruppo CEIS, ha visto l'intervento d'apertura di padre Giuliano Stenico, presidente della Fondazione CEIS onlus, che ha ripercorso gli eventi salienti accaduti nel 2014 e tracciato le linee progettuali del 2015. Il Report 2015, esercizio 2014, è il primo passo di un percorso di trasparenza intrapreso su mandato del tavolo di presidenza del gruppo che ha come obiettivo quello di raggiungere il livello "core" di applicazione delle GRI G4 con il bilancio 2015 per poi tendere, entro due anni, ad un Bilancio di Sostenibilità con il livello massimo di coerenza alle linee guida (attualmente si sono utilizzate le UNI EN ISO 26000 per la Responsabilità Sociale delle Organizzazioni).

Il progetto del Gruppo CEIS, sostenuto dal Ministero, coinvolge otto scuole in quattro regioni. Per non lasciare soli i docenti davanti a un compito sempre più difficili.

A Pellegrino Parmense una struttura d’accoglienza per combattere anoressia e bulimia. Un progetto del Gruppo CEIS e dell’associazione Sulle ALI delle MENTI